PREMIO GIULIO GAMBELLI 2013: BANDO DI CONCORSO.

Premio nazionale Giulio Gambelli 2013

 

1. Soggetti promotori

 

Promosso da A.S.E.T (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) e dal gruppo  di giornalisti I.G.P. (I Giovani Promettenti: Roberto Giuliani, Kyle Phillips, Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Stefano Tesi), in collaborazione con i consorzi di Tutela del  Chianti Classico, Brunello di Montalcino e Vino Nobile di Montepulciano e con il contributo delle aziende vinicole che hanno avuto Gambelli come amico e maestro (Castello di Cacchiano, Fattoria di Rodano, Il Colle, Montevertine, Poggio di Sotto, San Donatino, Tenuta di Bibbiano, Tenuta di Lilliano, Tenuta Ormanni), il premio intende onorare la memoria del grande consulente scomparto e sarà assegnato ogni anno al giovane enologo che più si mostrerà vicino all’”idea di vino” dell’indimenticabile Giulio Gambelli.

 

2. Finalità

 

Il premio è attribuito a un enologo italiano di massimo 35 anni di cui, nell’anno solare, siano entrati in commercio uno o più vini a cui egli abbia partecipato alla produzione in prima persona. I  vini dovranno essere coerenti all’idea di fare vino che fu di Giulio Gambelli: massimo rispetto per la materia prima, esprimendo in maniera chiara e netta sia i vitigni di provenienza che il territorio di origine.

 

3.Requisiti soggettivi

 

Possono partecipare tutti gli enologi di cittadinanza italiana che al 31 dicembre 2013 non abbiano superato i 35 anni.

 

4.Modalità di partecipazione

 

La partecipazione è gratuita.

I candidati saranno liberamente segnalati ad Aset e IGP dai giornalisti enogastronomici operanti sul territorio italiano. Ogni giornalista potrà al massimo segnalare cinque nominativi. La segnalazione, da inviare via email aset@asettoscana.it entro il 30 novembre 2013, verrà messa agli atti.

I quindici enologi che avranno ricevuto il maggior numero di segnalazioni parteciperanno alla selezione finale inviando alla giuria i campioni dei propri vini, fino a un massimo di 3.

La giuria sarà composta da cinque soci ASET e dai cinque IGP.

I vini finalisti verranno assaggiati in forma anonima e l’assaggio servirà ad inviduare l’enologo (e non il vino!) più “gambelliano”. Il vincitore verrà scelto a maggioranza. Ogni giurato utilizzerà una scheda predisposta ad hoc dall’organizzazione, che dovrà essere firmata da ognuno e messa agli atti.  In caso di parità il voto del presidente della giuria varrà doppio. Il giudizio della giuria sarà insindacabile.

 

5.Consegna dei vini

Non saranno accettati campioni da botte. I vini finalisti dovranno essere in commercio o entrarvi  nell’anno solare 2013. I campioni dovranno giungere alla sede di ASET, Via della Repubblica 10, 53036, Poggibonsi (SI) entro e non oltre il 30 novembre 2013. Per ogni vino dovranno essere spedite, a titolo gratuito, 3 bottiglie.

 

6.Designazione dei vincitori

 

Il nome del  vincitore sarà comunicato al pubblico durante una cerimonia che si terrà a Montepulciano nel mese di febbraio, nell’ambito anteprime toscane 2014.

 

7. Premi

 

Al vincitore andranno un premio in denaro di 1500 € e una targa commemorativa.

 

8. Modifiche al bando

 

L’Organizzazione si riserva il diritto di apportare in qualsiasi momento modifiche al presente bando al fine di garantire una migliore riuscita dell’iniziativa.

 

9. Informazioni

 

Informazioni e aggiornamenti potranno essere richiesti a aset@asettoscana.it oppure sul sito www.asettoscana.it.

Articoli correlati

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito
e per darti una migliore esperienza di navigazione.
Senza i cookie alcuni elementi del sito non potranno essere attivati.

Per maggiori informazioni leggi la nostra Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi