Certaldo: a Boccaccesca 2015 il secondo premio "Kyle Phillips"

Boccacesca 2015 apre le sue porte al Premio Kyle Phillips per il giornalista enogastroagroalimentare under 35 più anticonformista dell’anno”, realizzata in collaborazione con ASET (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana). L’occasione è la prossima edizione della rassegna di prodotti e piaceri del gusto – manifestazione che più di ogni altra ha contribuito a veicolare l’immagine di Certaldo come luogo di eccellenza enogastroalimentare – che rinnova la sua formula con due importanti cambiamenti e alcune interessanti novità di programma, novità decise dal Comune di Certaldo, titolare del marchio Boccaccesca, e dalla Agenzia Sviluppo Empolese Valdelsa, cui viene delegata la organizzazione dell’evento. Anzitutto la dislocazione: Boccaccesca coinvolgerà sia il borgo medievale come è sempre avvenuto che, per la prima volta, una parte del paese basso. Poi il biglietto: Boccaccesca 2015 sarà ad ingresso gratuito, per la prima volta nella storia della rassegna tutti gli spazi saranno accessibili liberamente. La nuova formula prevede anche un cambio di periodo, anziché quattro giorni su due weekend, sarà su tre giorni, da venerdì 2 a domenica 4 ottobre, almeno per questo primo anno.

“Una nuova formula – racconta l’assessore alla Cultura Francesca Pinochi –  che tende ad ampliare gli spazi della manifestazione e dunque la proposta della cultura enogastroagroalimentare. Maggior coinvolgimento del pubblico con la possibilità di interagire con gli ospiti di Boccaccesca attraverso iniziative che quest’anno saranno declinate con il tema di Expo visto che il progetto ha ottenuto il patrocinio proprio per gli argomenti trattati e il forte impegno nel divulgare e comunicare i temi dell’enogastronomia, la cultura del cibo, l’educazione alimentare. Un contenitore in grado di proporsi ad un pubblico sempre piu’ consapevole ed attento e desideroso di conoscere le proposte del territorio”. Passando poi dalla struttura ai contenuti, Boccaccesca conferma eventi e format che l’hanno resa unica, come il Premio Chichibio alle scuole alberghiere, la Madia, il Piatto d’artista, il Premio Boccaccesca all’ambasciatore più significativo della toscanità nel mondo, ma anche alcune novità.

“Boccaccesca 17° edizione: novità a non finire- dichiara il Direttore artistico della manifestazione Claudia Palmieri. Una tre giorni nel primo fine settimana di ottobre proprio come agli albori. Nel centro storico spazio agli incontri, ai cooking show, agli spettacoli, alle letture e poi il coinvolgimento del paese basso con Piazza Boccaccio per farsi così conoscere ad un pubblico sempre più vasto e numeroso”.
“ Un impegno rinnovato per l’ASEV- afferma il Direttore di Asev Tiziano Cini – nella valorizzazione delle risorse enogastronomiche nell’anno dell’EXPO con l’intento di contribuire a far diventare una manifestazione tra le più importanti a livello regionale e di conseguenza caratterizzare il nostro territorio nelle produzioni di eccellenza”.

Articoli correlati

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito
e per darti una migliore esperienza di navigazione.
Senza i cookie alcuni elementi del sito non potranno essere attivati.

Per maggiori informazioni leggi la nostra Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi