Codice deontologico

Scarica qui il pdf del Codice Deontologico >>

 

I soci dell’associazione si impegnano a:

1. informare i propri lettori in modo completo, chiaro e veritiero, trattando ogni notizia con onestà e obiettività.

2. non usare mezzi illegali per ottenere notizie e informazioni e non abusare della buona fede di alcuno.

3. astenersi da qualsiasi forma di sensazionalismo o plagio e da accuse prive di fondamento.

4. attenersi alle regole sulla privacy nel pieno rispetto della legge, salvo denunciare comportamenti che contraddicano palesemente i valori e principi enunciati.

5. assumersi piena responsabilità della propria attività professionale.

6. rifiutare qualsiasi carica, attività o vantaggio personale che possa ledere l’etica professionale e l’indipendenza di giudizio, e di conseguenza.

7. non sottoscrivere accordi che ledano in alcun modo le norme previste per la tutela del diritto d’autore e della professione giornalistica.

8. non pattuire, non accettare, non proporre e/o non favorire modalità, livelli o termini di pagamento difformi da quanto previsto dalle leggi dello Stato, dalle direttive dell’Unione Europea e/o dalle indicazioni delle associazioni di categoria, o comunque palesemente lesivi della dignità professionale del giornalista.

9. improntare i rapporti con gli altri soci a correttezza, amicizia e solidarietà, mettendo a disposizione dei colleghi il loro bagaglio di esperienze e di contatti.

10. operare nella massima trasparenza, assumendosi nei confronti degli altri soci e dell’associazione la responsabilità morale di un comportamento corretto e del rilascio di dichiarazioni veritiere in merito ai modi e agli ambirti della propria attività professionale.

11. a rispettare scrupolosamente i principi della leale concorrenza tra colleghi, della separazione tra informazione e pubblicità e tra giornalismo e comunicazione.

12. a non svolgere attività occulte, deontologicamente ambigue o incompatibili con il proprio status professionale.

I soci che partecipano a viaggi stampa o ricognizioni individuali organizzati da enti e società pubbliche o private sono tenuti a:

13. indicare correttamente a quale titolo vi partecipano, ovvero se su esplicito incarico di una testata o come free lance senza alcun impegno preliminare;

14. valutare liberamente se, in quale forma e (in assenza di incarico preliminare) su quale testata pubblicare o meno le notizie e impressioni raccolte nel corso del viaggio, impegnandosi comunque a informarne gli organizzatori;

15. non accettare alcun vincolo compromissorio che leda la loro libertà di espressione e dignità professionale condizionando la realizzazione del servizio giornalistico e/o fotografico.

Sul rispetto di questo Codice Deontologico vigilano gli organi in virtù di quanto previsto dallo Statuto dell’Associazione.